Ghost Recon Advanced Warfighter 2

NOME: Ghost Recon Advanced Warfighter 2
GENERE: Sparatutto tattico
SVILUPPATORE: Ubisoft
PRODUTTORE: Ubisoft
CONSOLE:Xbox360/PS3
ANNO DI RILASCIO:2007

Ormai è risaputo che l’abilità di Clancy nel raccontare la fantapolitica supera quella di quasi tutti gli altri narratori/scrittori. Dopo decine di libri, film e giochi incentrati sul tema guerra e patriottismo americano ecco un esponente di questo genere. Parlo del nuovo capitolo di Ghost Recon naturalmente. Lo sparatutto tattico dedicato alla squadra invisibile Ghost (che appunto significa fantasma). Il loro dovere è portare a termine varie missioni restando completamente nascosti. Nessuno deve conoscerli, ne vederli. Cosa ha da offrirci questo nuovo capitolo?

RETURN IN MEXICO
Iniziamo col dire che anche questo capitolo, come il primo è ambientato in Mexico. La trama non è niente di difficile, basti pensare con la testa di un americano. I ribelli messicani sono entrati in possesso delle testate nucleari rubate in Ucraina e la nostra squadra dovrà fermare l’attacco terroristico. Il nostro personaggio è il capo del comando ghost, un cosiddetto future soldier. Il gioco presenta vari scenari e passeremo dal deserto messicano, fino ai campi urbani. Le mappe sono grandi e potremo ingaggiare il combattimento anche a lunghissima distanza.
Una delle particolarità del gioco è l’ambiente circostante. Il passare del giorno e della notte, il cambio dei venti e quindi della polvere presente nell’ambiente sono tutti quei elementi che creano un gioco realistico. Eh si, questa è la differenza sostanziale con i fps di massa. Mentre un fps si basa sul sparare alla cieca, i sparatutto tattici si basano sulla strategia da intraprendere prima dell’azione.

COMANDARE E’ BELLO
Questo gioco prende spunti dagli altri gioco di stampo clancyniano e quindi ci ritroveremo a comandare tre uomini che ci obbediranno ciecamente. Certamente se in mezzo ad una sparatoria ordinate di andare nel campo nemico non lo faranno, ma faranno prima fuori i nemici. L’intelligenza artificiale è quindi abbastanza sufficiente per non rimanere soli in mezzo ai nemici. Alla nostra disposizione avremo anche il MULE, una macchina teleguidata che contiene armi e munizioni, un drone volante che ci aiuterà ad esplorare le mappe e vari veicoli. Il tutto naturalmente è controllabile completamente.  Ogni personaggio o veicoli/velivolo è dotato di una telecamera che possiamo usare per guardare con gli “occhi” dell’altro.
Le armi a nostra disposizione sono due. Possiamo scegliere tra un fucile di precisione o un mitra e una pistola o un mitra, ed infine abbiamo una piccola scorta di granate, fumogeni ed esplosivi. Durante la partita dovremo cercare sempre un riparo per non essere trivellati dai colpi nemici, che sono intelligenti e hanno una buona mira.
Ecco parlando dell’aspetto grafico invece precipitiamo nell’abisso. Il gioco infatti, è del 2007 e giocarci oggi, nel 2010, diventa difficile per gli amanti della bella grafica. Le espressioni facciali per quanto buone non superano quelle di Rainbow Six Las Vegas. Quindi è una questione di gusti. Chi ama il genere, chi ama clancy e  praticamente obbligato a comprare questo fps tattico.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: