Il serpente diventa touch

Questo slideshow richiede JavaScript.


Nella Bibbia, il serpente inganna Eva e Adamo facendogli assaggiare la mela, il frutto proibito. Adesso dopo secoli anche il serpente è stato tentato dalla mela e anche lui è caduto nel suo incantesimo.
Hideo Kojima fa le cose in grande, e lo dimostra la sua creazione per la Apple. Dopo l’ambiguo trailer tutti i possessori della console Microsoft si sono esaltati credendo in un MGS 4 per Xbox, ma poi dopo pochi giorni si scoprì che il tasto dell’accensione verde comparso nel trailer è il logo del nuovo ma vecchio capitolo Metal Gear Touch. Nuovo perché è il primo metal gear ad approdare su un apparecchio Apple, vecchio perché si tratta sempre di MGS 4.

Il titolo potrà non piacere ai puristi dello stealth, infatti, questo capitolo si presenta come un punta e spara. Non potremo spostarci per il campo di battaglia avendo un personaggio statico, le uniche mosse di Snake saranno quelle di uscire dal nascondiglio, sparare e nascondersi nuovamente. Attenti però, non confondetevi con i classici della casa Capcom. Spostando il dito sullo schermo sposteremo il mirino e con una leggera pressione Snake uscirà dal sui nascondiglio sparando il nemico. Punzecchiando lo schermo (il movimento per zoomare le foto) Snake cambierà il suo M4 con un fucile da precisione Dragunov SVD. Il sistema di mira è ben calibrato è con l’avanzare dei livelli anche la forza nemica aumenterà, costringendoci ad eseguire tutti movimenti più velocemente.

La veste grafica è davvero eccezionale, sembra di stare su una console da casa. Le ambientazioni riproducono alcuni degli scenari presenti nel quarto capitolo della saga. Ogni livello ha una sua particolarità, ad esempio nello scenario innevato dell’isola Shadow Moses, lo schermo inizierà a ghiacciarsi, impedendo cosi al giocatore di avere una visuale ottimale. In questo caso basta scuotere il vostro Iphone/Ipod/Ipad per togliere il ghiaccio dallo schermo.
La colonna sonora è identica a quella della console madre, ma senza gli intermezzi lenti, infatti, avremo solo la musica incalzante che non farà altro che alzare l’adrenalina. Durante l’ultimo scontro però (quello con Liquid per intenderci), avremo una bella sorpresa con il ritorno di alcune musiche dei capitoli precedenti.
La longevità non è tanta, questo è sicuro, ma il gioco non finisce dopo la sua vera fine. Infatti, dopo aver completato la campagna, si aprirà la Sopravvivenza. Lo stesso gioco, con lo stesso tempo, vita, ma con una differenza, se vieni sconfitto, devi ricominciare daccapo. Insomma non è una passeggiata. Ad aumentare la longevità ci sono anche il negozio di Drebin, nel quale potremo acquistare varie chicche. 


In sostanza, Metal Gear Touch si presenta come un gioco a parte, non appartenente al genere stealth, ma non per questo è un capitolo deludente. I fan più classici saranno delusi forse, mentre coloro che non ha mai provato un gioco della saga potranno appassionarsi grazie ad un Gameplay immediato, grafica da urlo e una colonna sonora degna d’essere venduta nei negozi. Insomma, è un must per tutti possessori dei piccoli gioielli della Apple.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: